Captazione dell'energia dell'acqua

Il principio su cui si basano le centrali idroelettriche è quello di trasformare l'energia potenziale di una massa di acqua in quiete e/o l'energia cinetica di una corrente di acqua in energia meccanica e successivamente trasformare questa energia meccanica in energia elettrica.

 

Il salto

Il salto è la differenza di quota tra il punto di prelievo dell'acqua ed il punto di restituzione [m]. Gli impianti idroelettrici si suddividono in base al valore di questa grandezza in:

Curiosità

L'impianto che dispone del dislivello maggiore (circa 1770 metri) si trova a Reisseck, in Austria, e utilizza una turbina Pelton.

 

La portata

La portata derivata (cioè prelevata) da un impianto idroelettrico è il volume di acqua prelevato nell'unità di tempo [m³/s]. In funzione della portata si parla di:

Curiosità

Un unico valore della portata non ha significato; è necessario conoscere il regime delle portate, cioè i valori assunti dalla portata del corso d'acqua durante l'anno e le loro durate nel tempo.

 

La misura delle portate

Per la misura della portata esistono vari metodi:

 

Rendimento

Il rapporto tra la potenza immessa in rete (cioè dopo che sono avvenute tutte le perdite dovute a : rendimento della turbina, del generatore, del trasformatore e dell'eventuale moltiplicatore di giri) e la potenza teorica di un impianto idroelettrico è denominato rendimento globale dell'impianto; nei moderni impianti idroelettrici esso va dall'80% al 90%, rappresentando un valore molto elevato (in particolare è il valore più elevato tra le varie fonti rinnovabili).